PROPOSTA FORMATIVA

Efficacia nel colloquio di Lavoro
Incontri: da valutare in base alle esigenze

Caratteristiche:

  Durata: Minimo 2 ore
  Lingua: Italiano
  Livello di partenza: Qualsiasi
  Partecipanti: Max. 2

Descrizione del Corso:

Che avvenga per email o per telefono, la prima comunicazione con l’azienda costituisce il primissimo momento della valutazione del candidato. È opportuno, durante queste comunicazioni, essere esaustivi e non dimenticare tutti i dati relativi a contatti e dati anagrafici.

Nel caso dell’email, bisogna rispondere in maniera puntuale e precisa, non dimenticando le forme di cortesia all’inizio e alla fine del messaggio.

Una volta presentati con il selezionatori, inizierà il vero colloquio di lavoro. Rispondere alle domande sempre in modo chiaro ed esauriente è molto importante.

Saper comunicare

La comunicazione è importante in tutti i rapporti. Quando ci si prepara per un colloquio, c’è sempre un po’ di agitazione, ma è quando ci si trova a tu per tu con il nostro esaminatore che l’ansia può prendere il sopravvento.

I più bravi sono in grado di celare la loro emozione dietro una comunicazione verbale posata e calma. Il nostro corpo però, non comunica solamente con le parole. Oltre alla comunicazione verbale, vi è la comunicazione paraverbale e quella non verbale. Vediamo meglio di cosa si tratta.

La comunicazione verbale è costituita dai suoni e dalle parole e deve essere efficiente ed efficace. Obiettivi importantissimi se ci si presenta ad una selezione per un posto di lavoro. La comunicazione non verbale invece è legata al linguaggio del corpo e quindi alla postura, ai gesti, ai movimenti del mittente del messaggio comunicativo.

Il linguaggio paraverbale

Il linguaggio paraverbale indica la modalità con cui usiamo la voce. La comunicazione paraverbale permette di dare risalto ad un concetto rispetto che ad un altro; ad esempio attraverso un intonazione di voce differente.

Il linguaggio paraverbale, perlopiù dettato dall’inconscio, è composto da:

  • tono
  • ritmo
  • volume
  • velocità
  • timbro
  • dizione
  • cadenza

Per mantenere l’attenzione dell’interlocutore durante il colloquio di lavoro è bene evitare:

  • una voce monotona che risulti piatta
  • un volume di voce troppo costante
  • l’eccessiva presenza di cadenza
  • troppe pause, ma cercare di utilizzarle per rafforzare i concetti chiave
  • Non essere rindondante
  • Intercalari

Il linguaggio paraverbale deve essere controllato.
L’importante è essere convincenti.

Il tuo futuro è nelle tua presenza! 

 

ALTRI CORSI

NON HAI TROVATO IL CORSO CHE CERCAVI?